Belfondo

13,00

di Jenn Díaz

 

Traduzione di Alessandro Drenaggi
Pag. 168 – Formato: 15 × 21
Confezione: brossura
Pubblicazione: maggio 2012
ISBN: 978-88-97462-16-3

 

COD: 464 Categoria:

Descrizione

Uno stupefacente meccanismo narrativo, una lirica e allucinata metafora su una società chiusa in se stessa.

Belfondo è un paesino immaginario della Spagna rurale dove il tempo pare essersi fermato. La gente di Belfondo, una piccola comunità sonnacchiosa che vive del ritmo imposto dalla fabbrica, è prigioniera volontaria del padrone, un uomo a cui tutto spetta e che tutto regola dentro i ristretti confini di uno spazio che a nessuno è concesso di oltrepassare. Ma Belfondo è anche il crocevia delle storie singolari degli abitanti del paese: il maestro che è obbligato a insegnare a leggere e a scrivere a tutti, eccetto che alla propria moglie, il becchino che occupa il tempo a produrre epitaffi in modo da averli già pronti quando i suoi compaesani saranno sepolti, il prete, cieco, che crede che Dio sia una donna in carne e ossa, e tanti altri. Un racconto che prima isola le voci e poi le somma in una melodia corale che compone una realtà inquietante e quasi onirica. In quello che è considerato il miglior esordio letterario della Spagna, Díaz dà mostra di una prosa lirica e coinvolgente capace di lasciare una profonda emozione nel lettore.

 

“Belfondo è un miracolo. Non esiste altro termine per descrivere questo romanzo”.
Revista de Lettras

 

LEGGI LE PRIME PAGINE DEL LIBRO

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Belfondo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *