Presente – Italia per stranieri

L’app è fatta per chi è appena arrivato in Italia, vuole imparare la lingua italiana e conoscere meglio la vita civile per vivere e integrarsi in questo Paese.

L’app Presente si compone di tre parti:
  • una sezione didattica di esercizi sulla lingua italiana;
  • un percorso informativo di testi sulla vita civile in Italia;
  • un agile prontuario di frasi e parole sul corpo e la salute.

Presente – Italia per stranieri può essere utilizzata, oltre che in italiano, in inglese, in francese, in arabo e in urdu, per far comprendere tutte le informazioni importanti anche a chi non conosce bene la lingua italiana.

Scarica da Google Play l’app Presente – Italia per stranieri!

Descrizione dell'app

Gli esercizi della prima parte sono suddivisi in moduli tematici su argomenti quotidiani (casa, famiglia, lavoro, spesa…). Gli esercizi sono autocorrettivi e si compongono di testi, immagini e tracce audio per esercitare scrittura, lettura e ascolto della lingua.

Grazie ai testi informativi della seconda parte è possibile conoscere meglio la vita in Italia e avere spiegazioni e consigli pratici. Sull’app si trovano tante informazioni su come e dove cercare lavoro, sulle regole della sicurezza sul lavoro, su come iscriversi a scuola e utilizzare i servizi sanitari e sociali. Inoltre ci sono approfondimenti su quali diritti e doveri hanno le persone, su come viaggiare sui mezzi di trasporto pubblici, su come ottenere la cittadinanza, e su quali sono le istituzioni più importanti. Alcuni link a risorse esterne permettono di approfondire gli argomenti.
La terza parte mette a disposizione un prontuario per affrontare le visite mediche e spiegare malattie o malesseri fisici. Questa parte è composta da domande e risposte tradotte in italiano e da una mappa con i nomi delle parti del corpo umano.

L’app è stata realizzata da Edizioni La Linea per conto del CPIA Metropolitano di Bologna, grazie al Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI) 2014-2020 (prog. 118). Progetto Futuro in corso – Piani regionali per la formazione civico linguistica dei cittadini di Paesi terzi.

Follow by Email
Facebook
Facebook